Che cos’è la donazione di ovuli?

900 50 70 97
Se hai dei dubbi riguardanti il processo, ci puoi chiamare al telefono gratuito
900 507 097

In modo naturale, una donna produce ogni mese un ovulo maturo. Se quest’ovulo viene fecondato diventerà un embrione e la donna rimarrà incinta. Tuttavia, nel caso in cui non venga fecondato lo stesso si perderà durante le mestruazioni.

Una donna sana dispone fin dalla sua nascita di circa 400.000 ovociti nelle sue ovaie. Questi ovociti sono le forme immature dei futuri ovuli. Durante tutto il periodo fertile della sua vita, solo uno su ogni mille (non più di 400) arriverà a maturare e quindi ad avere la possibilità di essere fecondato.

Ogni mese, vari ovociti iniziano allo stesso tempo un processo di sviluppo che si conclude il giorno dell’ovulazione. Solo uno di loro arriva in questo momento a essere un ovulo maturo, mentre gli altri si atrofizzano e perdono la loro utilità. In questo modo, l’organismo della donna si prepara per la gravidanza, se così lo desidera. Se non è così, questo ovulo non è più necessario e si elimina insieme all’emorragia mestruale.

La donazione di ovuli consiste nel donare (in modo anonimo, gratuito e altruista) alcuni ovuli di una donna affinché un’altra possa riuscire ad avere un figlio. Questi ovuli provengono, quindi, dalla riserva naturale che esiste nelle ovaie e che, abitualmente, non arriveranno mai a essere utilizzati. Quindi, la donazione di ovuli, sebbene di fatto consista nel donare qualcosa di proprio a un’altra persona, non condiziona di per sé la perdita definitiva di qualcosa di irrecuperabile. Si potrebbe dire che è anche una forma di sfruttare alcuni degli ovuli che una donna non arriverà mai a utilizzare. Dona ciò che non utilizzerai mai, non perdi nulla.